ERNIA INGUINALE | ESERCIZI IN PALESTRA E COME EVITARLA

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Insorge soprattutto negli adulti di mezza età ma può colpire anche bambini ed anziani.

Il termine ernia indica la fuoriuscita di un viscere (cioè di un organo interno in una cavità corporea), o di parte di esso, dalla cavità naturale che normalmente lo contiene.

Nello specifico il termine ernia inguinale indica la fuoriuscita di viscere dalla porta erniaria localizzata nella regione inguinale.

Questa fuoriuscita può essere più o meno consistente e nei casi più gravi è chiaramente visibile come una grossa tumefazione localizzata a livello dell’inguine. Inizialmente la tumefazione può non essere visibile anche se è presente dolore.

L’ernia inguinale è una delle patologie più frequenti al mondo e colpisce prevalentemente gli uomini che ne soffrono da 7 a 10 volte di più rispetto alle donne.
Questa diversità è legata a differenze anatomiche relative al canale inguinale, una struttura anatomica simile ad un condotto che collega l’addome con l’esterno attraversando a tutto spessore la parete addominale.

Nell’uomo il canale viene attraversato da vasi e nervi diretti al testicolo omolaterale e risulta perciò molto più vulnerabile rispetto a quello femminile che è costituito soltanto dal legamento rotondo e da una estroflessione del peritoneo chiamata canale di Nuck.

L’ernia inguinale insorge soprattutto negli adulti di mezza età ma può colpire anche bambini ed anziani.
Sempre secondo la statistica, l’ernia inguinale insorge nella maggior parte dei casi sul lato destro del corpo, anche se spesso è bilaterale.

TRATTAMENTO

La formazione di un ernia non può più regredire spontaneamente e nessun farmaco può risolvere la patologia.

Il trattamento conservativo, utile quando l’intervento chirurgico è controindicato, prevede l’utilizzo del cinto erniario, un apparecchio ormai caduto in disuso. Eventualmente può essere utilizzato in attesa dell’operazione ma viene spesso consigliato l’utilizzo di apposite mutandine elastiche, sicuramente più confortevoli.

Se il problema è a rischio di peggioramento o particolarmente fastidioso l’unica soluzione è l’intervento chirurgico.
L’operazione si svolge generalmente in day hospital con anestesia locale e già dopo pochi giorni il soggetto può riprendere le normali attività quotidiane.

La chirurgia dell’ernia inguinale è ormai diventata un’operazione di routine dato che si tratta dell’intervento chirurgico più eseguito al mondo. Nella maggior parte dei casi si applica sottocute una piccola retina di materiale biocompatibile, che ha il compito di contenere l’ernia e rinforzare la parete addominale.

PREVENZIONE

La debolezza della parete addominale è in molti casi un fatto congenito che può essere influenzato dalla mancanza di esercizio fisico.

Sebbene le cause di insorgenza siano ancora oggetto di studio, particolari conformazioni del canale inguinale o della regione ombelicale possono predisporre il soggetto indipendentemente dall’età o dal tipo di attività lavorativa. In queste condizioni l’innata debolezza favorisce l’erniazione che può manifestarsi, per esempio, in seguito a stitichezza, sforzo fisico intenso, gravidanza, colpo di tosse, o un semplice starnuto.

Anche il sovrappeso o un marcato dimagramento possono favorire l’insorgenza della patologia.
La prevenzione dell’ernia inguinale prevede il mantenimento di un buon tono muscolare, in particolare dei muscoli addominali, obliqui, lombari e paravertebrali.

IN PALESTRA

Come abbiamo detto nella parte introduttiva il sollevamento di un peso eccessivo può essere causa di comparsa dell’ernia inguinale.

In palestra quando si sollevano carichi molto elevati in esercizi che sollecitano particolarmente le vertebre lombari viene utilizzata una cintura di contenimento.

Tuttavia è inutile e controproducente utilizzare la cintura durante tutto l’allenamento in quanto il suo uso ha lo stesso effetto collaterale del busto. L’utilizzo della cintura impedisce infatti ai muscoli che formano il cosiddetto torchio addominale di lavorare liberamente, interferendo con il loro sviluppo.

Inoltre una cintura troppo stretta diminuisce il rischio di ernia al disco ma aumenta notevolmente quello di ernia inguinale a causa delle forte pressioni intra addominali che si vengono a creare.

Dopo l’operazione il paziente può riprendere gli allenamenti già dopo 10-15 giorni dall’intervento. Tuttavia prima di ricominciare ad utilizzare carichi pesanti in esercizi che aumentano considerevolmente la pressione intraddominale è bene attendere circa 6-10 settimane in relazione al tipo di intervento subìto e rivolgersi ad un professionista per seguire un programma adatto.

 Patrizia Salviato Personal Trainer ISSA Europe.

E’ riconosciuta da EREPS (European Register of Exercise Professionals) la quale raggruppa in un’unica banca dati centrale europea, tutti i professionisti del fitness che, certificati dalle Scuole di Formazione dell’Europa intera, hanno superato un processo di accreditamento.

 EREPS ed Europe Active attribuiscono ai Corsi di Formazione che ottemperano ai requisiti professionali imposti, il relativo livello EQF (European Qualification Framework), fortemente voluto dalla Comunità Europea.

ENJOY Fitness Club – Galleria Scrovegni 1/A Padova – 3471019062

Torna su

Registrati

Ottieni 30 giorni gratis solo per nuovi clienti
(non valido per minorenni)

Registration Form

Please fill in the form below to register.

  • Strength Indicator